Archivi tag: parma

Primarie a Parma, il mio sostegno a Paolo Scarpa

uniti-per-vincereFra meno di una settimana si terranno a Parma le primarie del centrosinistra per scegliere il candidato che si contenderà la poltrona di sindaco, e che sfiderà l’attuale primo cittadino Federico Pizzarotti.

I candidati alle primarie sono tre: Gentian Alimadhi, Dario Costi e Paolo Scarpa. Tre persone che hanno un curriculum di alto livello, tre professionisti – rispettivamente un avvocato, un architetto e un ingegnere – conosciuti e stimati a Parma e non solo.

Ho deciso di sostenere e votare l’ing. Paolo Scarpa per varie ragioni che spiegherò brevemente per punti.

  1. L’appoggio di Nicola Dall’Olio

All’epoca della fondazione del Partito Democratico, Nicola Dall’Olio, attuale capogruppo Pd in consiglio comunale, coordinava insieme a Paolo Scarpa il primo forum sull’ambiente del PD locale. Fresco della mia laurea in Ecologia e già appassionato alle tematiche ambientali, entrai anch’io a far parte di quel gruppo di lavoro e mi trovai in un team affiatato di professionisti del settore. C’erano rappresentanti di associazioni, tecnici, professori e studenti. Tante personalità che lavoravano insieme per proporre un modello di sviluppo sostenibile per la città di Parma.

Quando qualche settimana fa Nicola ha deciso di fare un passo indietro ritirando la sua candidatura alle primarie per appoggiare Paolo, dimostrando ancora una volta di essere una persona intelligente e altruista, ho visto ripresentarsi quel gruppo di lavoro e quel progetto di sviluppo della mia città rimasto nel cassetto per più di sette anni. Ho visto riproporsi un duo vincente che potrebbe davvero realizzare un programma di sviluppo urbano innovativo e green.

  1. Contrasto al cambiamento climatico

E’ l’unico candidato che ad oggi ha pubblicato i temi principali del programma di governo e che al punto “rigenerazione urbana e mobilità” parla di riduzione della CO2 e dei gas serra, di applicazione del PAES (Piano di Azione per l’Energia Sostenibile), di mobilità sostenibile e stop al consumo di suolo. A conferma di quanto scritto nel punto precedente.

  1. Un candidato che unisce

Paolo Scarpa è un candidato che è riuscito ad unire attorno a lui tante persone di diversa estrazione politica e sociale. La prova di questo l’ho avuta partecipando ai vari incontri che il candidato ha organizzato in questi giorni. Ho visto tanti conoscenti da sempre impegnati nel sociale e nel volontario locale che però non avevo mai visto partecipare ad iniziative politiche. Ho ritrovato vecchi professori e ho conosciuto giovani studenti universitari. Ho visto partecipare storici votanti della sinistra, del centro e qualcuno anche del centro-destra. In breve: ho visto un candidato che attrae tanti voti semplicemente perché conosciuto e stimato.

Il progetto ParMap

Ci tengo a fare un’ultima riflessione sul progetto ParMap. Ciò che è sempre mancato nelle precedenti competizioni amministrative è stato un lavoro progettuale che potesse essere la base di partenza per amministrare la città di Parma. Un piano che partisse dai problemi dei cittadini e dalla valorizzazione delle eccellenze locali. Questa volta non è così. Tutti e tre i candidati hanno “sposato” il documento “ParMap, Parma che funziona“. Un progetto durato anni che è iniziato dall’ascolto dei residenti e dall’analisi delle problematiche segnalate dai cittadini. Un lavoro che è continuato con l’incontro e la discussione con le realtà più importanti di Parma (Università, mondo del sociale e del welfare, settore industriale e dell’innovazione,  ecc..). Un lavoro che si è concluso con un documento ben fatto e che pone le basi per un’efficace amministrazione della città.

Chiudo ricordando che le primarie ci saranno domenica 5 marzo e si potrà votare dalle 8 alle 20 in diversi seggi della città.

Sarebbe davvero bello se a queste primarie venissero a votare tante persone, sarebbe un bel segnale di democrazia e partecipazione, due cose importanti e di cui c’è tanto bisogno. Buon voto!

Annunci

Pseudoeditoriale domenicale: lavoro, festival, libri e politica

editoriale-domenicaleLavoro, festival, libri e politica. Tante le novità, ma andiamo con ordine.

Lavoro: si è concluso mercoledì un periodo intenso ma che mi ha portato tante soddisfazioni. Ancora una volta, in Morris, abbiamo superato con successo l’ispezione della certificazione ambientale ISO 14001 che quest’anno mi ha visto particolarmente coinvolto poiché ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Sistema di Gestione Ambientale. La soddisfazione è dovuta al fatto che da qualche mese a questa parte ricopro un ruolo in azienda a cui ambivo da anni, da quando neolaureato sognavo una posizione lavorativa che mi permettesse di mettere a frutto gli insegnamenti di lunghi anni di studi; che mi permettesse di continuare a tenermi aggiornato sulle novità in materia e al tempo stesso d’impegnarmi nel rispetto dell’ambiente. Riconosco di aver lavorato tanto per questo ruolo ma ammetto di essere stato fortunato nell’aver trovato dei capi e dei colleghi che mi hanno fatto crescere e che hanno riconosciuto i miei meriti. E’ un segnale del fatto che un po’ di meritocrazia esiste anche in Italia. Quando c’è va detto!

Festival: ricordate il festival dei viaggiatori e del turismo sostenibile “It.a.cà”? Quello che mi ha visto ospite la scorsa estate. Ebbene, quest’anno si terrà a Parma la terza edizione e con Irene saremo i referenti dell’edizione parmense. Anche questa è una soddisfazione ma anche una sfida non semplice. Abbiamo diverse idee e un gruppo di organizzazioni aderenti già molto affiatato. Tra queste ricordo l’ente Parchi del Ducato, l’associazione FIAB, la cooperativa Mappamondo, gli amici di Ecobnb e l’associazione B&B Parma. E poi molti altri che si stanno aggiungendo nel corso della programmazione. Vi terrò aggiornati sugli sviluppi e per ora vi anticipo soltanto le date del festival che si terranno a Parma dal 2 al 8 ottobre.

Libri: pochi giorni fa è uscito il libro di Filippo BininiTutto è vanità. Omicidi e intrighi in una Parma malata di superbia“. L’ho letto tutto d’un fiato e mi è piaciuto moltissimo. E’ un libro perfetto per chi, come me, è affezionato a Parma e per chi ama le storie noir. E’ un romanzo giallo ma con dentro tanta politica; è un libro che stimola tante riflessioni sulla nostra società. Insomma, vi consiglio di leggerlo e vi invito alla presentazione che si terrà sabato 18 febbraio alle ore 18.30 presso la libreria Voltapagina di Parma (via Oberdan, 4/C). Vi anticipo una chicca: il sottoscritto è uno dei personaggi del libro e, insieme ad altri amici-protagonisti, dialogherò con l’autore durante la presentazione. Che dire.. altra soddisfazione!

Politica: si avvicinano le elezioni amministrative a Parma e con mio grande piacere il centro-sinistra di Parma, trainato dal Pd, ha indetto primarie aperte per scegliere il candidato della coalizione. Si voterà il 5 marzo e ci sono tre candidati: l’ingegnere Paolo Scarpa, l’architetto Dario Costi e l’avvocato Gentian Alimadhi. Lunedì scorso (6 febbraio) si sono presentati e confrontati nel primo grande incontro pubblico che insieme ad alcuni amici abbiamo organizzato a Corcagnano. La serata è andata benissimo! Tantissima è stata l’affluenza di pubblico e interessanti sono stati gli interventi degli ospiti. Credo che con questa serata abbiamo risvegliato la campagna delle primarie che era partita un po’ in sordina. Ora la competizione entra nel vivo e voglio poter dare il mio piccolo contributo. Quindi dirò fin da subito che il mio sostegno va a Paolo Scarpa e nei prossimi post spiegherò nel dettaglio le mie motivazioni. La speranza è che anche questo impegno si trasformi in una soddisfazione.

Tutto è vanità. Omicidi e intrighi in una Parma malata di superbia

tutto-e-vanitaCari lettori, vi segnalo un libro che fra poche settimane sarà pubblicato ma che adesso necessità di un piccolo contributo. Si intitola “Tutto è vanità. Omicidi e intrighi in una Parma malata di superbia” ed è scritto da Filippo Binini, amico da più di dieci anni e cognato da un paio. Sembrerò quindi di parte ma chiunque ha conosciuto Filippo potrà confermare che è una gran bella persona; che ha fatto dell’impegno sociale la sua professione e che col suo mestiere aiuta ogni giorno ragazzi e ragazze in difficoltà ad integrarsi e trovare un posto nella società.

Il libro è edito dalla casa editrice Infinito Edizioni (e questo è garanzia di qualità) e la storia è ambientata a Parma alla vigilia dalle elezioni amministrative. Una situazione molto attuale visto che in primavera si terranno davvero le elezioni comunali nella città ducale.

E’ un romanzo giallo fatto d’intrighi e corruzione, con movimenti politici che cercano di sfruttare l’indignazione dei cittadini e imprenditori che provano a cogliere l’occasione giusta per arricchirsi. Un romanzo che unisce il noir ad una profonda analisi della realtà sociale parmense.

Vi chiedo di sostenere la campagna di raccolta fondi che potete trovare sul sito https://www.becrowdy.com/tutto-e-vanita-il-libro e vi lascio con le parole di Filippo che nel video qui sotto vi anticipa qualcosa del libro.

Una mattina a “pulire il mondo”

puliamo-il-mondo-2016-1Anche quest’anno, come l’anno scorso, ho partecipato insieme ad alcune colleghe della Morris Profumi all’iniziativa di Legambiente “Puliamo il mondo”. Le aziende e il settore produttivo hanno un ruolo fondamentale nel processo di sviluppo sostenibile e sono convinto che la sensibilizzazione dei lavoratori alle problematiche ambientali sia determinante per la transizione verso un mondo industriale sempre più rispettoso della natura e delle persone.

E’ stata una bella e utile mattinata. Grazie a Legambiente, ai tanti volontari (la maggior parte ragazzi rifugiati provenienti da varie nazioni) e alle mitiche colleghe che si sono impegnate a pulire un po’ di mondo.

puliamo-il-mondo-2016-17

puliamo-il-mondo-2016-9 puliamo-il-mondo-2016-23 puliamo-il-mondo-2016-28