Giornata Mondiale dell’Habitat. Una riflessione dal punto di vista ambientale e sociale

whdArticolo pubblicato su “il Taccuino di Darwin” (www.iltaccuinodidarwin.com) – 02/10/2016

Ogni primo lunedì del mese di ottobre ricorre la Giornata Mondiale dell’habitat. Celebrata per la prima volta dalle Nazioni Unite nel 1986 è diventata una ricorrenza annuale a partire dal 1995.

Quando si parla di habitat si pensa all’ecologia che lo definisce “il posto dove vive un organismo“. Questa semplice definizione vale per tutti gli esseri viventi e riguarda quindi anche l’uomo e le nostre città. Tant’è vero che l’obiettivo della Giornata Mondiale non è solo quello di riflettere sulla tutela degli habitat naturali ma anche sullo stato delle nostre città e dei nostri paesi e sul diritto di tutti a vivere in un’abitazione adeguata.

Dal punto di vista ecologico la tutela degli habitat naturali è di fondamentale importanza e la loro distruzione è uno dei principali problemi ambientali, anche se la gravità della cosa non è particolarmente percepita dalle persone. La perdita di habitat è strettamente legata alla perdita della biodiversità. Basti pensare che è calcolato che ogni volta che una pianta si estingue crollano con lei altre 10-30 specie di organismi vegetali, animali o insettivori; poiché la pianta è l’habitat, cioè la casa, di diversi organismi viventi. Nel 1997 la scienziata indiana Vandana Shiva scriveva che le stime attuali indicano che ogni giorno la Terra perde una specie vivente, dei 5-10 milioni ritenute esistenti. E il dato non sembra migliorato di molto considerato che secondo l’Unione Internazionale per la Conservazione della Natura (IUCN), nel 2014 erano circa 22 mila le specie nel mondo a rischio estinzione. Lo scorso agosto un team di scienziati ha pubblicato un report sulla rivista Nature in cui si denunciava che tre quarti delle specie in via di estinzione in tutto il mondo sarebbero in pericolo a causa della conversione dei loro habitat in terreni agricoli e a causa dello sfruttamento eccessivo delle risorse naturali.

Ma come detto la definizione di habitat si applica anche all’uomo ed è giusto interrogarsi sullo stato delle nostre città e sul diritto di tutti di avere una casa. Anche su questi aspetti c’è molto da fare e probabilmente la gravità della situazione è maggiormente percepita dalle persone. Le riflessioni su questi temi sono però tantissime e toccano situazioni di grandissima complessità. Probabilmente neanche un intero libro basterebbe per approfondire questo argomento. Pensiamo a chi perde il proprio habitat per colpa di una guerra, di un terremoto, di condizioni climatiche avverse, di un inquinamento ambientale nocivo alla salute umana. E pensiamo a chi gli viene negato un nuovo habitat perché considerato straniero, pericoloso, inaffidabile o semplicemente a causa di costi di affitto troppo elevati. Pensiamo a chi la propria casa la mette a disposizione ad altre persone e poi la ritrova distrutta e danneggiata. Pensiamo a come spesso non viene rispettata la nostra città (e i nostri concittadini) con sporcizia, danneggiamenti di opere pubbliche e con l’abbandono di rifiuti.

Ma pensiamo anche agli aspetti positivi: a chi grazie alla condivisione di una casa trova un amico o un amore. Alla sensazione di sentirsi a casa anche quando in realtà si è distanti chilometri e chilometri. All’emozione che si prova quando ci si affeziona ad un posto o una città.

Le riflessioni da fare sono tante, mi limito a ricordare una notizia apparsa pochi giorni fa su alcuni giornali e relativa alla città di Parma, che è il mio habitat. Da un’indagine del franchising immobiliare Solo Affitti pare che tra città e provincia ci siano 51.331 case sfitte e che in Emilia-Romagna un’abitazione su cinque è vuota.

Questi dati dovrebbero interrogarci sulla possibilità di garantire un tetto per tutti, sulla dubbia necessità di costruire ancora nuove abitazioni su terreni vergini e sulla perdita di habitat e preziosa biodiversità causata da un’ulteriore cementificazione del suolo.

Buona Giornata Mondiale dell’Habitat a tutti.

Andrea Merusi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...